OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DI TUOZERO – PATRIMONIO ITALIANO –

Crolla del 38% quest’anno (2019) la produzione di olio di oliva Made in Italy che scende ad appena 265 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici.

Olio Extravergine d’oliva italiano: i dati della Coldiretti

A colpire la produzione italiana di olio extravergine sono gli effetti più pesanti del cambiamento climatico, spiega uno studio della Coldiretti, che hanno causato lo scorso inverno la distruzione di 25 milioni di ulivi in zone strategiche per l’olivicoltura italiana.

Di conseguenza è crollato il raccolto, un valore vicino ai minimi storici per la pianta simbolo della dieta mediterranea. A pesare sono stati il gelo invernale di Burian e i venti accompagnati dalla pioggia durante la fioritura che hanno ridimensionato pesantemente i raccolti, cui vanno ad aggiungersi i pesanti effetti di Xylella fastidiosa nel Salento.

Proprio la Puglia si conferma essere la principale regione di produzione, con 87 milioni di chili, nonostante il calo del 58%, mentre al secondo posto si trova la Calabria, con 47 milioni di chili e una riduzione del 34%, e sul gradino più basso del podio c’è la Sicilia dove il taglio è del 25%, per una produzione di 39 milioni di chili, mentre in Campania il raccolto è di 11,5 milioni di chili, in riduzione del 30%.

Al centro diminuisce a 11,6 milioni di chili la produzione in Abruzzo (-20%) e a 14,9 milioni di chili nel Lazio (-20%) mentre aumenta a 17,8 milioni di chili in Toscana (+15%) come nel nord dove complessivamente – precisa Coldiretti –si registra un aumento del 30%.

Senza interventi strutturali l’Italia – precisa la Coldiretti – rischia di perdere per sempre la possibilità di consumare extravergine nazionale con effetti disastrosi sull’economia, il lavoro, la salute e sul paesaggio.

“Una necessità per rispondere alla crescita record dei consumi mondiali di olio d’oliva nel mondo che in una sola generazione hanno fatto un balzo di quasi il 49% negli ultimi 25 anni cambiando la dieta dei cittadini in molti Paesi, dal Giappone al Brasile, dalla Russia agli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna alla Germania, sulla scia del successo della Dieta Mediterranea dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo .

“E’ evidente – afferma l’organizzazione agricola – il rischio della destabilizzazione del mercato con gli arrivi di olio estero in Italia che sono quasi quadruplicati nel 2018, sulla base dei dati Istat relativi al primo quadrimestre che attestano l’importazione di 26,6 milioni di chili.

Si tratta – spiega la Coldiretti – di produzioni di bassa qualità svendute a prezzi insostenibili, ma commercializzate dalle multinazionali sotto la copertura di marchi nazionali ceduti all’estero per dare una parvenza di italianità da sfruttare sui mercati”.

E’ un’occasione da non perdere, potenziare un settore in forte crescita come quello dell’olio extravergine d’oliva significa apportare un piano di sviluppo verso le aree a forte vocazione agricola dal nord al sud del nostro Paese.  Un’esigenza per recuperare il pesante deficit italiano potenziando una filiera che coinvolge oltre 400 mila aziende agricole specializzate in Italia e che, ricorda la Coldiretti, può contare sul maggior numero di olio extravergine a denominazione in Europa (43 DOP e 4 IGP) con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive, il più vasto tesoro di biodiversità del mondo.

TuoZero per l’olio EVO Made in Italy

La nostra piattaforma seleziona le migliori aziende operanti nel settore olivicolo, curando personalmente la scelta di marchi d’eccellenza e d’alta qualità, prodotti con metodologie e tecniche agricole sostenibili e rispettose dell’ambiente. A prova dei grandi risultati delle aziende che hanno aderito al nostro network sono i numerosi premi che hanno conseguito nel corso degli anni con certificazioni sempre più specifiche e specializzanti nel settore.

Il tasto sottoindicato, vi rimanderà alla nostra selezione di oli dove potrete trovare presidi slow food, marchi biologici, DOP e d’alta qualità. A VOI LA SCELTA.

Leave a Comment

0

INIZIA A SCRIVERE E PREMI INVIO PER CERCARE